RAMEUSE A PERCORSI

Camera aerotermica
La camera risulta divisa in due zone distinte e sovrapposte, dotate ciascuna di propri ventilatori, proprio riscaldamnento e regolazione di temperatura.
Ciò consente di realizzare qualsiasi trattamento dei tessuti a temperature differenziate: essiccazione a due stadi, termofissaggio, essiccazione e termofissaggio combinati.

L'altissima capacità evaporante della macchina è ottenuta mediante un razionale sistema di ventilazione "a cuscino" d'aria, attraverso canali che soffiano l'aria perpendicolarmente su entrambe le facce del tessuto.

Sono previsti dispositivi atti a regolare la portata d'aria dei ventilatori quando si trattano articoli delicati o con pelo.

Per far fronte alle esigenze di qualsiasi tipo di tessuto e di qualsiasi produzione, pur mantenendo la standardizzazione degli elementi costruttivi, la rameuse ALEA può variare la lunghezza della camera aerotermica (corta o lunga) ed il numero dei piani (8,10,12). Dalla combinazione di questi due elementi variabili si ottiene, caso per caso, la macchina più adatta al tipo di tessuto da trattare.

tipo S/8 8 percorsi
tipo S/10 10 percorsi
tipo S/12 12 percorsi
Contenuto tessuto
Contenuto tessuto
Contenuto tessuto
Camera corta 38 m.
Camera corta 47 m.
Camera corta 57 m.
Camera lunga 50 m.
Camera lunga 64 m.
Camera lunga 78 m.

L'introduzione automatica del tessuto costituisce uno dei problemi più importanti da risolvere in una rameuse, soprattutto quando si trattano tessuti difficili, quali la maglieria.
Oltre alla dotazione dei dispositivi normali (cilindro di traino, srotolacimosse, tastatori con fotocellula incorporata, sovralimentazione) il campo conico di entrata è collegato al tunnel aerotermico mediante una speciale cerniera ad elementi multipli, che trasforma l'"angolo" in una dolce "curva", così da escludere ogni possibilità di deformazione del tessuto.

Il riscaldamento dell'aria può essere ottenuto sia con radiatori a vapore o a olio, sia con bruciatori a gas diretto.

Ognuna delle spalle mobili è dotata di pulsantiera, che consente all'operatore qualsiasi intervento per una introduzione corretta del tessuto sulle catene. Lo spostamento delle spalle mobili è ottenuto per mezzo di pistoni idraulici, direttamente comandati dai tastatori elettronici, ossia con un sistema che elimina le operazioni di ingrassaggio e manutenzione degli organi meccanici tradizionali.

Il tessuto affluisce ai dispositivi per la sovralimentazione e l'inspillamento seguendo una linea praticamente retta, eliminando le deformazioni che subisce il tessuto trattato coi sistemi tradizionali.

La sovralimentazione, ottenuta per mezzo di una coppia di ruote gommate superiori e di una coppia di tappetini gommati sottostanti, risulta eccezionalmente regolare, anche quando raggiunge valori superiori al 40%. La motorizzazione con inverter consente non solo una precisione assoluta, ma anche la differenziazione della sovralimentazione fra una spalla e l'altra.

La catena
La nostra catena presenta 2 particolarità che la distinguono da tutte le altre:

  • è montata su cuscinetti a sfere, ciò significa:
    • una durata eccezionalmente elevata anche sotto sforzo prolungato
    • la possibilità di raggiungere velocità fino a 100 m/l', ossia ben superiori a quelle che possono raggiungere le catene tradizionali a strisciamento.
  • è dotata di un dispositivo brevettato contro lo sganciamento del tessuto dagli spilli. Tale dispositivo, oltre a rappresentare una sicurezza assoluta di funzionamento, consente anche di montare spilli verticali, facilitando quindi il distacco del tessuto all'uscita.

La pulizia delle catene è ottenuta con un dispositivo combinato vapore/aria compressa, un energico getto di aria compressa prima e di vapore poi, viene direttamente iniettato sul cuscinetto a sfere. Un apposito temporizzatore alterna l'operazione sulla spalla destra e su quella sinistra.

Le foto mostrano il particolare delle bocchette soffianti, la sistemazione delle bocchette all'interno della camera, il sistema di pulizia automatica dei filtri e il diagramma della circolazione dell'aria.

Gli accessori
Gli accessori illustrati in questa pagina sono quelli di uso più comune.

Il centrapezze
è un dispositivo molto più efficace di quelli abiualmente in commercio; è costituito da una serie di cilindri folli, montati su un telaio oscillante, comandato a sua volta tramite un tastatore elettronico.
Questo dispositivo è efficacissimo anche coi tessuti più leggeri e delicati.

Il raddrizzatore obliquo
è il classico dispositivo a cilindri orientabili per mezzo di un servo comando idraulico.
Sia questo che il raddrizzatrame curve possono essere automatizzati mediante l'installazione di teste di lettura.

Il raffreddatore
è previsto per trattare efficacemente anche i tessuti più pesanti. Esso è costituito da un tamburo forato, messo in depressione da 2 ventilatori laterali, così da ottenere l'attraversamento del tessuto da parte dell'aria di raffreddamento aspirata direttamente dall'ambiente.

La lubrificazione delle catene
è ottenuta con un dispositivo automatico, comandato da un sistema graduabile in funzione dei metri percorsi dalla catena.

rameuse a percorsi

particolare rameuse a percorsi

particolare entrata